La Befana vien di notte

 

La Befana è raffigurata come una vecchia strega, ma benefica: infatti porta i doni ai bambini. Questa sua bontà fa dimenticare tutto il resto, ma purtroppo c’è stato un tempo in cui si credeva veramente alle streghe e al loro volo notturno a cavallo di una scopa: non nel buio Medioevo, come alcuni pensano e continuano a ripetere a vanvera, ma nell’illuminato Rinascimento, tra il 1450 e il 1750. L’ultima donna condannata a morte come strega fu Anna Göldi nel 1782 a Glarona in Svizzera. È impossibile sapere quante persone (in maggioranza donne) furono condannate al rogo dalle autorità civili ed ecclesiastiche (sia cattoliche che protestanti) di comune accordo: l’Europa e anche l’America hanno preferito dimenticare le decine di migliaia di vittime innocenti. Perciò quest’anno vorrei che la Befana ci portasse il dono di non credere alle fake news...

 don Giorgio