Buon Natale

 

Del primo Natale non sappiamo la data precisa: dev’essere stato tra il 7 e il 4 a.C. Sappiamo però che Gesù è stato perseguitato e si è rifugiato in Egitto (senza gommone) quando aveva solo pochi giorni di vita. Sappiamo che in Israele erano molto attivi gli zeloti che, a seconda del punto di vista, erano partigiani o terroristi. Non cadevano le bombe, ma anche senza gli aerei i romani riuscivano ugualmente a radere al suolo intere città e non si limitavano a questo: per reprimere la seconda rivolta di Giuda il Galileo nel 6 a.C. crocifissero circa duemila “ribelli”.

Il Natale 2016 è purtroppo funestato da tanti segni di morte, ma in fondo non è troppo diverso da quello originale e il presepio allestito nella nostra chiesa (grazie, amici “presepianti”!) ce lo ricorda. Non cediamo alla paura né allo sconforto, ma perseveriamo nella misericordia, nell’accoglienza e nella carità.

Buon Natale a tutti!

don Giorgio